Rivista italiana di diritto e procedura penale

Accedi all'ultimo numero della rivista

Rivista italiana di diritto e procedura penale

fasc. 03,26 NOVEMBRE 2018

Quarta Sessione LA PERSONALITÀ DELLA RESPONSABILITÀ PENALE TRA TIPICITÀ E COLPEVOLEZZA  

Sommario: Sommario: 1. I tre principi contenuti nell’art. 27, co. 1, Cost. (fatto proprio, nullum crimen, nulla poena sine culpa, colpevolezza). — 2. La precedenza storica del nullum crimen sine culpa sulla più recente lettura della responsabilità per fatto proprio. Rinvio. — 3. La delimitazione costituzionale della colpevolezza-rimprovero moraleggiante e il collegamento con il fatto. — 4. La centralità e i rischi dei nuovi rapporti tra l’elemento soggettivo, la sua tipicità e la prevenzione generale. — 5. Colpevolezza e tipicità, come categorie e come principi. — 6. L’idea di realizzare l’art. 27, co. 1, Cost. in via interpretativa. — 7. L’impatto dell’intervento della Corte costituzionale sulla norma dell’art. 27 co. 1, Cost. — 8. L’error iuris e l’attuazione (giurisprudenziale) del nuovo art. 5 c.p. Nuove dogmatiche per vecchie politiche criminali. — 9. Prevedibilità e accessibilità del diritto come principi di fonte europea fra tipicità e colpevolezza. I casi Contrada, Taricco e Sud Fondi. — 10. Il mascheramento della prevenzione generale sotto la categoria della colpevolezza nel modello storico della Schuldtheorie. — 11. L’attuazione interpretativa del principio nullum crimen, nulla poena sine culpa. Una politica criminale nuova. — 12. Error aetatis e “teoria della colpevolezza”. — 13. Il pieno di prevenzione generale dentro alla colpevolezza e i successi della colpevolezza come categoria. — 14. Il livello complessivo della colpevolezza-principio. Trends positivi e non. — 15. Una colpevolezza laica, oltre il “rimprovero” al tipo d’autore. — 16. La precedenza storica del principio nullum crimen, nulla poena sine culpa rispetto alla più recente lettura della responsabilità per fatto proprio. — 17. Dal punto di vista ex ante a quello ex post. Perché il principio nullum crimen sine culpa esige una autonoma verifica del fatto proprio e non lo “sostituisce”. — 18. Segue. Causalità della colpa, contributo di concorso, ruolo dell’insolvenza nella bancarotta. — 19. La responsabilità “da reato” degli enti e l’art. 27, co. 1, Cost. come principio penalistico. — 20. Conclusione.
Testo:

Abstract

Lo studio prospetta una nuova interpretazione dell’art. 27, co. 1, Cost., che contiene attualmente tre principi: responsabilità per fatto proprio, nullum crimen,...

please wait

Caricamento in corso...