Giustizia civile

Accedi all'ultimo numero della rivista

Giustizia civile

fasc. 02,26 LUGLIO 2018

La dottrina del secondo dopoguerra sull’interpretazione giudiziale. Il contributo della giurisprudenza in materia di rapporto di lavoro

Sommario: Sommario: Prima Parte – 1. Mutamenti del pensiero giuridico del secondo dopoguerra, in materia di fonti del diritto e di funzione giurisprudenziale. – 2. I libri di Luigi Caiani sulla filosofia dei giuristi italiani e sui giudizi di valore. – 3. Emilio Betti e la sopravvenienza di nuovi orientamenti legislativi. – 4. Tullio Ascarelli e la formazione progressiva dell’ordinamento. – 5. Perplessità della dottrina. – 6. La teoria dell’argomentazione. – 7. I saggi sull’interpretazione nei Quaderni del Foro italiano. – 8. Gli autori più recenti. Valori di base condivisi e argomentazione. – 9. Storia, antropologia del diritto e nuova retorica. – 10. Il realismo nuovo e il fine insopprimibile del diritto del lavoro. – 11. La crisi delle categorie. – 12. Diffusione delle tesi antiformaliste nel diritto privato e nel diritto pubblico. – 13. Ancora perplessità e critiche. Norme per fattispecie e norme per princìpi. Seconda Parte – 14. L’influsso dei motivi suddetti sul diritto del lavoro. – 15. L’applicazione diretta delle norme costituzionali. – 16. L’interpretazione adeguatrice. Crisi del giudizio incidentale di costituzionalità. – 17. Parità di trattamento all’interno dell’impresa. – 18. Il valore della lettera della legge. La regola del male minore. La ripartizione dell’onere della prova. – 19. Il diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro – 20. Coerenza dell’ordinamento. – 21. Coerenza diacronica. – 22. L’efficacia temporale dei contratti collettivi sui diritti soggettivi a formazione progressiva. – 23. Bilanciamento dei valori. – 24. Il controllo sull’esercizio dei poteri dell’imprenditore. – 25. Segue. – 26. Il licenziamento inteso ad incrementare il profitto dell’impresa. – 27. Prescrizione e decadenza – 28. Questioni in materia di fonti del diritto.
Testo:

Il superamento del greve positivismo e del pesante culto di una legalità formalistica (parole di Paolo Grossi), iniziato nella teoria giuridica del dopoguerra, non senza anticipazioni, quale espressione di...

please wait

Caricamento in corso...