• I principi dell'azione amministrativa

    I principi dell'azione amministrativa

    L'art. 1 della L. n. 241/1990 contiene l'indicazione dei principi generali dell'attività amministrativa.

    Sono tre le disposizioni che vengono in rilievo:

    –    in primo luogo, il comma 1, ai sensi del quale «L'attività amministrativa persegue i fini determinati dalla legge ed è retta da criteri di economicità, di efficacia, di imparzialità, di pubblicità e di trasparenza [...], nonché dai principi dell'ordinamento comunitario»;

    –    in secondo luogo, il comma 1-bis, il quale dispone che «La pubblica amministrazione, nell'adozione di atti di natura non autoritativa, agisce secondo le norme di diritto privato salvo che la legge disponga diversamente»;

    –    infine il comma 2, a tenore del quale «La pubblica amministrazione non può aggravare il procedimento se non per straordinarie e motivate esigenze imposte dallo svolgimento dell'istruttoria.». 

    Il principio di legalità

    Particolarmente ricca di implicazioni interpretative è la prima delle disposizioni normative richiamate, la quale impone un'attenta disamina dei principi ivi richiamati.

    Sotto questo aspetto, viene in rilievo innanzitutto il principio di legalità, che deve essere inteso nella sua duplice veste, formale e sostanziale.

    In particolare, la legalità formale impone all'amministrazione non solo il divieto di contraddire la...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo

    I principi di economicità, efficacia ed efficienza

    I principi di economicità, efficacia ed efficienza costituiscono corollario del canone di buon andamento dell'azione amministrativa (consacrato dall'art. 97 Cost.), che impone alla p.a. il conseguimento degli obiettivi legislativamente prefissati con il minor dispendio di mezzi. 

    Nello specifico, il principio di economicità vincola la p.a. all'uso accorto delle proprie risorse, obbligandola a perseguire i propri obiettivi con il minor...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo

    Il principio di imparzialità

    La L. n. 69 del 2009 ha inserito tra i canoni posti a presidio dell'attività amministrativa il principio di imparzialità. In tal modo il legislatore ha evidenziato che il precetto costituzionale di buon andamento dell'azione amministrativa (di cui all'art. 97 Cost.) non tocca solo l'organizzazione, ma anche l'azione della P.A., tenuta a dispiegarsi in modo da non compromettere e discriminare i soggetti coinvolti nell'attività amministrativa.

    Il principio in commento...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo

    I principi di pubblicità e trasparenza

    Il principio di pubblicità soddisfa l'esigenza di un controllo democratico da parte dei cittadini sull'attività della P.A., stante l'obbligo ad essa imposto di pubblicare, comunicare o rendere accessibili notizie, documenti, atti e procedure.

    Le applicazioni più significative del principio in commento sono rinvenibili nella stessa L. n. 241/1990, laddove si prevede:

    –    l'obbligo di rendere noto il termine entro il...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo

    I principi di derivazione comunitaria e della privatizzazione della azione amministrativa

    La legge n. 15/2005, modificando l'art. 1, comma 1, della L. n. 241/1990, ha introdotto il riferimento ai principi generali dell'ordinamento comunitario come principi generali che devono regolare l'azione delle pubbliche amministrazioni. 

    Seguendo un'impostazione propugnata dalla Corte di Giustizia, i principi generali dell'ordinamento comunitario possono essere distinti in due macro-gruppi:

    –    da una parte, i principi a carattere generale, che...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
please wait

Caricamento in corso...