Estremi:
T.A.R. Trieste, (Friuli-Venezia Giulia), 2018,
  • Fatto

    FATTO E DIRITTO

    Considerato che la Codess Friuli Venezia Giulia Cooperativa Sociale Onlus chiede l'annullamento, previa sospensione cautelare, della determinazione del Direttore dell'Azienda Pubblica Servizi alla Persona "Giovanni Chiabà" di San Giorgio di Nogaro in data 14 dicembre 2017, n. 334, con la quale, in esito alla procedura aperta bandita dall'Azienda medesima per l'affidamento del servizio di assistenza e servizi ausiliari da prestarsi a favore degli ospiti della casa di riposo, sono stati approvati gli atti di gara ed è stata disposta l'aggiudicazione dell'appalto al Consorzio Blu società cooperativa sociale, invocando, conseguentemente, lo scorrimento della graduatoria e la ri-aggiudicazione dell'appalto in suo favore;

    Considerato che, in via subordinata, chiede per lo meno l'accoglimento del terzo motivo di ricorso e, per l'effetto, l'annullamento dell'impugnato provvedimento, con conseguente ordine alla stazione appaltante di sottoporre l'offerta del Consorzio aggiudicatario a un serio e ben approfondito sub-procedimento di anomalia;

    Considerato che chiede, inoltre, la declaratoria di inefficacia del contratto d'appalto, se, nel frattempo stipulato, tra la stazione appaltante e il Consorzio Blu;

    Considerato che, in caso di impossibilità di ri-aggiudicazione dell'appalto in suo favore, chiede la condanna della stazione appaltante al risarcimento del danno per equivalente, comprensivo di lucro cessante e danno curricolare e, in ogni caso, la condanna della medesima alla rifusione del contributo unificato corrisposto per l'iscrizione a ruolo del ricorso e al rimborso delle spese di giudizio, maggiorate degli accessori di legge e del rimborso forfetario delle spese generali;

    Considerato che affida la domanda caducatoria ai seguenti mezzi:

    "Violazione di legge: violazione degli articoli 45 comma 2 lettera c) e 47 comma 2 del...