• Fatto

    Svolgimento del processo

    Con citazione del 25 marzo 1992 Nereo Bertoncello, in qualità di Presidente del Circolo Arcinova Daiquiri Club, e Diego Marchiori, in qualità di socio del predetto Circolo, convenivano in giudizio dinanzi al Tribunale di Bassano del Grappa la s.r.l. Immobiliare San Marco premettendo che: a) il Circolo conduceva in locazione dal 1987 l'immobile appartenente a Claudio Fincati; b) questi, senza informarlo, l'aveva venduto, il 23.XII.1991, alla s.r.l. Immobiliare San Marco per il prezzo di L. 80.000.000 e perciò esso conduttore intendeva riscattarlo, ai sensi dell'art. 39 della legge 392-1978.

    Pertanto concludevano per la declaratoria di legittimo esercizio del riscatto.

    La convenuta si opponeva deducendo: 1) i locali, appartenenti ad un unico complesso architettonico denominato Palazzo Bonamigo, venduto a corpo per il prezzo di L. 980.000.000, erano occupati abusivamente, non essendo intercorso alcun rapporto negoziale tra il proprietario e il Circolo; 2) comunque, in base allo statuto, questo non poteva aprire al pubblico; 3) detto Circolo Daiquiri era diverso dal preteso conduttore, denominato Circolo Arcinova. Concludeva pertanto, previa chiamata in causa del venditore per essere garantito ai sensi dell'art. 1483 c.c., per la declaratoria di carenza di legittimazione attiva degli attori, per insussistenza del rapporto locativo e per difetto del requisito di attività del Circolo comportante contatto con il pubblico. In via subordinata per la condanna del venditore a tenerlo indenne per l'evizione, con condanna di costui, a titolo risarcitorio, al pagamento di L. 400.000.000.

    Claudio Fincati interveniva volontariamente in giudizio deducendo:

    1) soltanto il 27.7.1991, dopo il preliminare di vendita di tutto l'immobile, nella sua integrità di palazzo storico, alla s.r.l. S.

    ...
  • Diritto

    Motivi della decisione

    1. - Con il primo motivo di ricorso il ricorrente deduce "In relazione all'art. 360 nn. 3 e 5 cpc - violazione dell'art. 105 cpc - Violazione degli artt. 99, 100, 101 cpc - Contraddizione - Omesso esame per travisamento dell'appello, in specie del primo motivo, in relazione alle coessenziali domande spiegate dall'intervenuto - Omessa pronunzia." Dalla lettura delle conclusioni dell'atto di appello degli eredi Fincati si deducono i vizi di grave contraddizione ed il travisamento dei giudici di appello sulla posizione dell'intervenuto, il cui gravame pertanto erroneamente è stato dichiarato inammissibile. Le domande del Fincati erano state già riportate nell'epigrafe della sentenza dei primi giudici e poi trasfuse nell'atto di appello e, per rinvio a questo, nella comparsa di costituzione e risposta in secondo grado e nell'appello incidentale, e cioè: a) affermare la inesistenza del Circolo Arcinova Daiquiri Club e conseguentemente del contratto che Marchiori Diego avrebbe stipulato in favore di detto Circolo; b) affermare l'inesistenza di qualsiasi rapporto di godimento tra detto Circolo e-o il Marchiori e gli attori, non essendo stato neppure identificato il locatore; c) dichiarare la pretesa di un rapporto di locazione frutto di artificio e quindi attività temeraria e illecita; d) dichiarare la formazione del giudicato sulla sentenza del Tribunale di Bassano del 21.5.1992 dichiarativa dell'insussistenza del rapporto di locazione tra gli attori e un non meglio identificato locatore; e) dichiarare comunque la volontà di recesso degli attori - manifestata con lettera del 17-19.6.1992 - che avevano abbandonato i luoghi dopo averli resi inservibili ed averli devastati; f) dichiarare in ogni caso i locali di Via Bonamigo 29 costituire parte integrante minimale del Palazzetto Bonamigo, venduto, sì che non era esercitabile il riscatto; g) dichiarare l'intento delle parti attoree...

  • Note redazionali:
    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
Correlazioni:

Legislazione Correlata (3)

please wait

Caricamento in corso...