Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • Testo vigente
    • EPIGRAFE

      Codice di procedura penale, approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447 (1).

      (1) Il D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447, pubblicato nel...



    • ARTICOLO N.671

      Applicazione della disciplina del concorso formale e del reato continuato.

    • 1. Nel caso di più sentenze [529 s.] o decreti penali [460] irrevocabili [648] pronunciati in procedimenti distinti contro la stessa persona, il condannato o il pubblico ministero [655] possono chiedere al giudice dell'esecuzione [665] l'applicazione della disciplina del concorso formale [81 1 c.p.] o del reato continuato [81 2 c.p.], sempre che la stessa non sia stata esclusa dal giudice della cognizione [186-188 att.]. Fra gli elementi che incidono sull'applicazione della disciplina del reato continuato vi è la consumazione di più reati in relazione allo stato di tossicodipendenza (1).

      2. Il giudice dell'esecuzione provvede determinando la pena in misura non superiore alla somma di quelle inflitte con ciascuna sentenza o ciascun decreto.

      2-bis. Si applicano le disposizioni di cui all'articolo 81, quarto comma, del codice penale (2).

      3. Il giudice dell'esecuzione può concedere altresì la sospensione condizionale della pena [163 c.p.] e la non menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale [175 c.p.], quando ciò consegue al riconoscimento del concorso formale o della continuazione. Adotta infine ogni altro provvedimento conseguente.

      (1) Periodo aggiunto, in sede di conversione, dall'art. 4-vicies d.l. 30 dicembre 2005, n. 272, conv., con modif., in l. 21 febbraio 2006, n. 49.

      (2) Comma inserito dall'art. 5 2 l. 5 dicembre 2005, n. 251.

    please wait

    Caricamento in corso...