Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • EPIGRAFE

      Decreto legislativo 2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali, recante disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento nazionale al regolamento (UE) n. 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonche' alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE . (CODICE DELLA PRIVACY) 12 3 4 5 678(A)

      __________

      (A) In riferimento alla presente legge vedi: Circolare INPS 25 febbraio 2009, n. 33; Circolare INPS 25 febbraio 2009, n. 32; Circolare INPS 25 febbraio 2009, n. 31; Circolare INPS 20 febbraio 2009, n. 25; Parere dell' Autorità Garante per la Protezione dei dati personali n- 1810813 del 7 aprile 2011.; Circolare Inps 07 giugno 2013, n. 90; Circolare Inps 07 giugno 2013, n. 91;Circolare INPS 6 marzo 2007, n. 50e Circolare del Ministero dell'Interno 4 giugno 2009, n. 46; Circolare AGEA 6 luglio 2009, n. 42; Circolare AGEA 7 luglio 2010, n. 25; Circolare AGEA 7 giugno 2010, n.19; Circolare INPS 16 gennaio 2009, n. 5; Parere Autorità Garante per la Protezione dei dati personali 26/10/2017 n. 7273446; Circolare INPS 28 dicembre 2017,  n. 189; Circolare INPS - Istituto nazionale previdenza sociale 31/01/2018 n. 21; Circolare INAIL - Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro 20 ottobre 2020 n. 37.



    • ARTICOLO N.167

      (Trattamento illecito di dati). 1


    •  

       1. Salvo che il fatto costituisca piu' grave reato, chiunque, al fine di trarre per se' o per altri profitto ovvero di arrecare danno all'interessato, operando in violazione di quanto disposto dagli articoli 123, 126 e 130 o dal provvedimento di cui all'articolo 129 arreca nocumento all'interessato, e' punito con la reclusione da sei mesi a un anno e sei mesi.

      2. Salvo che il fatto costituisca piu' grave reato, chiunque, al fine di trarre per se' o per altri profitto ovvero di arrecare danno all'interessato, procedendo al trattamento dei dati personali di cui agli articoli 9 e 10 del Regolamento in violazione delle disposizioni di cui agli articoli 2-sexies e 2-octies, o delle misure di garanzia di cui all'articolo 2-septies ovvero operando in violazione delle misure adottate ai sensi dell'articolo 2-quinquiesdecies arreca nocumento all'interessato, e' punito con la reclusione da uno a tre anni.

      3. Salvo che il fatto costituisca piu' grave reato, la pena di cui al comma 2 si applica altresi' a chiunque, al fine di trarre per se' o per altri profitto ovvero di arrecare danno all'interessato, procedendo al trasferimento dei dati personali verso un paese terzo o un'organizzazione internazionale al di fuori dei casi consentiti ai sensi degli articoli 45, 46 o 49 del Regolamento, arreca nocumento all'interessato.

      4. Il Pubblico ministero, quando ha notizia dei reati di cui ai commi 1, 2 e 3, ne informa senza ritardo il Garante 2.

      5. Il Garante trasmette al pubblico ministero, con una relazione motivata, la documentazione raccolta nello svolgimento dell'attivita' di accertamento nel caso in cui emergano elementi che facciano...

    please wait

    Caricamento in corso...