Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • Testo vigente
    • EPIGRAFE

      Legge 1995 - Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare. (DINI - RIFORMA DELLE PENSIONI)1 (A)

       

      ---------------

      (A) In riferimento alla presente legge vedi: Circolare INPS 11 gennaio 2007, n. 7, Messaggio INPS 31 gennaio 2007, n. 2647, Circolare INPS 8 febbraio 2007, n. 37, e Messaggio INPS 21 febbraio 2007, n. 4726 Messaggio INPS 21 febbraio 2007, n. 4726; Messaggio INPS 15 marzo 2007, n. 7118; Circolare INPS 12 giugno 2007, n. 92; Messaggio INPS 16 luglio 2007, n. 18550; Messaggio INPS 9 novembre 2007, n. 27090; Nota INAIL 22 aprile 2010, n. 3410; Messaggio INPS 12 gennaio 2012 n. 709;Circolare INPS 25 febbraio 2009, n. 27; Circolare Inps 03 febbraio 2012 n. 16; Circolare Inps 09 febbraio 2012 n. 21; Circolare Inps 14 marzo 2012 n. 35;Circolare Inps 19 marzo 2012 n. 39; Circolare Inps 17 maggio 2012 n. 69; Circolare Inps 12 luglio 2012 n. 95; Messaggio INPS 30 agosto 2012 n. 14045; Messaggio INPS 10 settembre 2012 n. 14635; Circolare Inps 18 settembre 2012 n. 114; Circolare Inps 18 ottobre 2012 n. 124; Circolare Inps 25 ottobre 2012 n. 126; Messaggio INPS 04 gennaio 2013 n. 219; Circolare Inps 28 gennaio 2013, n. 13; Messaggio INPS 30 gennaio 2013 n. 1785; Circolare Inps 12 febbraio 2013, n. 27; Messaggio INPS 28 febbraio 2013 n. 3549; Circolare Inail 20 marzo 2013 n. 15; Circolare Inps 26 marzo 2013 n. 47; Messaggio INPS 04 aprile 2014, n. 3870.



    • ARTICOLO N.1

      Princìpi generali; sistema di calcolo dei trattamenti pensionistici obbligatori e requisiti di accesso; regime dei cumuli.


      Vigente dal 01/01/2008 al 24/08/2008

    • 1. La presente legge ridefinisce il sistema previdenziale allo scopo di garantire la tutela prevista dall'art. 38 della Costituzione, definendo i criteri di calcolo dei trattamenti pensionistici attraverso la commisurazione dei trattamenti alla contribuzione, le condizioni di accesso alle prestazioni con affermazione del principio di flessibilità, l'armonizzazione degli ordinamenti pensionistici nel rispetto della pluralità degli organismi assicurativi, l'agevolazione delle forme pensionistiche complementari allo scopo di consentire livelli aggiuntivi di copertura previdenziale, la stabilizzazione della spesa pensionistica nel rapporto con il prodotto interno lordo e lo sviluppo del sistema previdenziale medesimo.

      2. Le disposizioni della presente legge costituiscono princìpi fondamentali di riforma economico-sociale della Repubblica. Le successive leggi della Repubblica non possono introdurre eccezioni o deroghe alla presente legge se non mediante espresse modificazioni delle sue disposizioni. é fatto salvo quanto previsto dall'art. 3, lettera h ), dello Statuto speciale della Valle d'Aosta, adottato con legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 4, e dalle relative norme di attuazione, la cui armonizzazione con i princìpi della presente legge segue le procedure di cui all'art. 48- bis dello Statuto stesso.

      3. La presente legge costituisce parte integrante della manovra di finanza pubblica per gli anni 1995-1997 e di quella per gli anni 1996-1998 e concorre al mantenimento dei limiti massimi del saldo netto da finanziare e del ricorso al mercato finanziario stabiliti dall'art. 1, commi 1 e 2, della legge 23 dicembre 1994, n. 725 (legge finanziaria 1995). Le successive disposizioni determinano gli effetti finanziari di contenimento stabiliti dall'art....

    Giurisprudenza Correlata (visualizza tutto)

    Dottrina Correlata (visualizza tutto)

    Prassi correlata (visualizza tutto)

    please wait

    Caricamento in corso...