• Fatto

    FATTI DI CAUSA

    Con citazione notificata il 7 luglio 2007 i genitori della minore B.G. convennero dinanzi al Tribunale di Pinerolo l'Azienda Sanitaria Ospedaliera (OMISSIS) (ora Azienda Ospedaliera Universitaria (OMISSIS)) ed i due medici V.V. e M.C. chiedendo accertarsi che a causa della non conformità dell'operato dei predetti ai criteri di diligenza professionale non soltanto non si erano risolte le patologie originarie dalle quali era afflitta la figlia (mal occlusione dentale) ma era conseguito un peggioramento della condizione clinica (consistito nella perdita dei denti, deterioramento della situazione occlusale, persistenti dolori e lesioni) e derivati danni patrimoniali e non patrimoniali dei quali chiedevano il risarcimento.

    In particolare, dedussero: - di aver affidato nel 1994 la minore alle cure della dr.ssa M.C., in servizio presso il reparto di Odontostomatologia della convenuta struttura sanitaria, la quale le aveva prescritto un apparecchio ortodontico che la predetta aveva utilizzato per sei anni sottoponendosi a controlli periodici presso la struttura; - nel 2000, a fronte dell'ingravescenza algica e della persistenza della mal occlusione, la M. indicò alla paziente, divenuta maggiorenne, la necessità di eseguire un intervento chirurgico al fine di spostare il mascellare, intervento descritto come semplice e di breve durata nonchè risolutivo per il problema occlusale, previi trattamenti preliminari presso il proprio studio di (OMISSIS) dove in effetti la stessa paziente si era recata più volte; - a fine 2000, la paziente era stata presentata a V.V., anch'egli medico in servizio presso la stessa struttura sanitaria, il quale l'aveva sottoposta ad un delicato intervento di chirurgia maxillofacciale di avanzamento del mascellare superiore a seguito del quale veniva dimessa il (OMISSIS) "con la bocca in contenzione, la faccia tumefatta,...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
  • Diritto

    RAGIONI DELLA DECISIONE

    1. Con il primo motivo ("Violazione dell'art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, in relazione alla violazione dell'art. 2697 c.c., art. 1176 c.c., comma 2, art. 1218 c.c., nonchè degli artt. 210,116 e 115 c.p.c.. Omesso esame, e conseguente difetto assoluto di motivazione, circa un fatto decisivo per il giudizio") la ricorrente si duole dei seguenti punti della motivazione resa dalla Corte territoriale secondo cui: - "in termini del tutto corretti e condivisibili il giudice di prime cure ha affermato che l'onere della prova circa la sussistenza di un nesso eziologico tra le varie terapie prestate dai sanitari M. e V. alla B. in un arco quasi decennale asseritamente incongrue e non corrette ed il peggioramento della salute dell'appellante - incombeva a quest'ultima" (onere che non sarebbe stato assolto in quanto non corroborato neppure dalla esperita consulenza tecnica d'ufficio); - "il consulente ha riferito di non essere in grado di rispondere a nessuno degli articolati quesiti postigli a causa dell'assenza di significativi riscontri documentali che volessero orientare le indagini (...) nessun consulente potrà esprimere giudizio sul risultato di un trattamento sanitario senza avere la possibilità di esaminare gli elementi diagnostici probatori antecedenti alle terapie".

    Ad avviso della ricorrente, la richiamata motivazione, pertanto, avrebbe omesso di prendere in considerazione un fatto decisivo per il giudizio con riferimento a nesso causale concernente lo smarrimento della documentazione sanitaria relativa alle terapie somministratele sicchè la difettosa tenuta della cartella clinica non poteva risolversi in suo danno anche in considerazione del fatto che il giudice di prime cure in proposito aveva ordinato ex art. 210 c.p.c., l'ordine di esibizione della documentazione sia all'azienda sanitaria sia alla M., ordine restato "senza alcun esito" come espressamente motivato dal giudice di...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
Correlazioni:

Note a sentenza (1)

Legislazione Correlata (3)

Portali (1)

please wait

Caricamento in corso...