Estremi:
Cassazione civile, 2018,
Classificazione:
  • Fatto

    FATTO E DIRITTO

    Rilevato che:

    con atto di citazione del 29 novembre 2006 S.A. evocava in giudizio, davanti al Tribunale di Firenze, la società Guccio Gucci S.p.A. chiedendo il risarcimento dei danni. Esponeva che il giorno 21 luglio 2004 si era recata presso la sala mostra di Gucci, sita in (OMISSIS), al fine di visionare i nuovi campionari della casa di moda e mentre si trovava sulla rampa posta all'interno dell'atelier, poggiando la propria scarpa destra sulla moquette che costituiva la corsia centrale di discesa della scala, a causa del notevole gioco rispetto alla battuta del relativo gradino e per l'usura della moquette, aveva perso l'equilibrio, scivolando verso il basso e provocandosi ripetute lesioni. Il Tribunale di Firenze con sentenza del 13 ottobre 2008 rigettava la domanda;

    avverso tale decisione proponeva impugnazione S.A., con atto di appello del 12 ottobre 2009, reiterando, tra l'altro, la richiesta di ammissione delle prove ritenute irrilevanti in primo grado. Con sentenza del 25 giugno 2015 la Corte d'Appello di Firenze confermava la decisione resa dal Tribunale;

    avverso tale decisione propone ricorso per cassazione S.A. sulla base di due motivi. Resiste in giudizio con controricorso la società Guccio Gucci s.p.a. La ricorrente deposita memorie ex art. 380 bis c.p.c..

    Considerato che:

    con il primo motivo la ricorrente lamenta la violazione dell'art. 2051 c.c., e dell'art. 167 c.p.c., nonchè omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio ai sensi dell'art. 360 c.p.c., n. 5. La motivazione della Corte appare censurabile nella parte in cui ha ritenuto insussistente la prova del nesso di causalità, tra le condizioni della moquette e la caduta dell'attrice. Al contrario, la fattispecie era riconducibile all'ipotesi di omessa custodia ed avrebbe dovuto gravare sulla società Guccio Gucci la prova del fortuito e non sull'attrice, quella del nesso...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
Correlazioni:
please wait

Caricamento in corso...