Estremi:
Comm. trib. reg. Milano, (Lombardia), 2017, Vedi massime correlate
  • Fatto

    SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

    Con atto di appello in data 11.03.2016, l'Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Lombardia ha impugnato la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Milano, sez. 47 n. 7145/47/15 del 6.05.1015, pubblicata in data 14.09.2015, che aveva accolto il ricorso proposto da E.A. S.p.A. avverso il provvedimento di irrogazione sanzioni n. (omissis...), per IVA. OP. ESENTI 2006.

    La sentenza di primo grado asserisce che le prestazioni contestate, relative a contratti di coassicurazione, risultano esenti da IVA, ai sensi dell'art. 10 commi 2e 9 del D.P.R. n. 633 del 1972. In ogni caso la prestazione sarebbe da considerare accessoria alla prestazione principale esente da IVA. La prestazione delegata avrebbe come fine il miglior assolvimento delle attività assicurative rese al cliente e, pertanto, la prestazione delegata deve considerarsi esente da IVA.

    L'Agenzia ha impugnato la decisione premettendo che la sanzione nei confronti della E.A. S.p.A. era stata emessa perché la stessa, nell'anno di imposta 2006, aveva stipulato contratti di coassicurazione, nell'ambito dei quali corrispondeva commissioni di delega alla H.A. e tali commissioni erano state contabilizzate dalla delegante in regime di esenzione IVA. L'Agenzia censura la sentenza per violazione degli artt. 112 e 115 cod. proc. civ., in sintesi perché la sentenza ha stravolto le controdeduzioni dell'Ufficio, attribuendogli cose non dette. Nel merito, l'Agenzia sostiene in definitiva che la clausola di delega, contenuta nel contratto di coassicurazione non costituisce attività assicurativa, ma servizio a titolo oneroso, soggetto ad IVA. Quindi la sentenza sarebbe nulla per avere qualificato le operazioni poste in essere e descritte come esenti.

    L'Agenzia, che ha prodotto numerose sentenze di merito sull'argomento, chiede quindi l'accoglimento dell'appello, la riforma della sentenza e la condanna della contribuente al pagamento...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
  • Diritto

    MOTIVI DELLA DECISIONE

    L'appello dell'Agenzia merita di essere accolto per le ragioni di seguito esposte, mentre la tesi della Compagnia assicuratrice é priva di pregio.

    La giurisprudenza invocata dalla Società contribuente risulta superata da un ben più recente decisione della Suprema Corte (Cassazione civile, sez. trib., n. 22429/04.11.2016), che ha trattato un caso speculare a quello in questione.

    In tale decisione, la Corte di Cassazione ha affermato che in ipotesi di "operazioni di assicurazione", la correttezza dell'applicazione normativa dell'esenzione va vagliata alla luce dei pertinenti parametri come ricostruiti dalla CGUE, che possono essere trasfusi nel seguente principio di diritto: "In tema di IVA, il regime di esenzione previsto dal D.P.R. n. 633 del 1972, art. 10, comma 1, n. 2, per le "operazioni di assicurazione", da interpretare restrittivamente in quanto derogatorio al regime ordinario di imponibilità, si estende -in considerazione di quanto stabilito dalla Corte di giustizia, tra le altre, con le sentenze emesse nelle cause C- 349/96, C- 472/03 e C-40/15-alla pluralità di prestazioni idonee ad integrare il servizio assicurativo sotto il profilo economico, per cui occorre individuare gli elementi caratteristici dell'operazione di cui trattasi per stabilire se il soggetto passivo fornisca all'assicurato, considerato come consumatore medio, attraverso la pluralità di attività poste in essere, più prestazioni principali distinte o un'unica prestazione, sempre che il prestatore di servizi si sia impegnato esso stesso nei confronti dell'assicurato a garantire a quest'ultimo la copertura di un rischio e sia vincolato all'assicurato da un rapporto contrattuale. Spetta al giudice della controversia accertare, alla luce di questi elementi d'interpretazione, se l'operazione controversa debba essere considerata ai fini dell'IVA, unitariamente come '.'operazione di assicurazione" ovvero come costituita da...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
Correlazioni:

Legislazione Correlata (1)

Portali (1)

please wait

Caricamento in corso...