• Fatto

    FATTO

    1.- Con bando di gara del 4 marzo 2015, l'Università degli studi "Magna Grecia" bandiva, con il criterio selettivo dell'offerta economicamente più vantaggiosa, una "procedura aperta per l'appalto della progettazione ed esecuzione dei lavori edili ed impiantistici per la realizzazione di una banca biologica multidisciplinare (BBM) presso il livello - 2 del corpo G dell'edificio dell'area medica e delle bioscienze sulla base della progettazione preliminare dell'Università Magna Grecia di Catanzaro". La gara veniva aggiudicata, con delibera del 7 dicembre 2016, all'ATI costituita da Graded s.p.a., capogruppo, Interprogetti s.r.l., Sieme s.r.l., Biorep s.r.l., Itaca s.r.l., Assing s.r.l., arch. Fi. Ce. quali mandanti.

    1.1.- Con il ricorso introduttivo del giudizio di primo grado, la Lu. Al. Costruzioni s.r.l. - collocatasi seconda in graduatoria - chiedeva l'annullamento dell'anzidetto provvedimento di aggiudicazione, deducendo che: - la società mandante INTERPROGETTI S.r.l. era carente del requisito di carattere generale della regolarità fiscale; - il costituendo R.T.I. aggiudicatario aveva trasmesso la documentazione a comprova del possesso dei requisiti prescritti dal bando in violazione del termine di cui all'art. 48, comma 2, del d.lgs. n. 163/2006; - l'impresa mandante BIOREP S.r.l. aveva omesso di comprovare un requisito tecnico professionale di cui aveva dichiarato il possesso; - il costituendo R.T.I. aggiudicatario aveva trasmesso i giustificativi dell'offerta in violazione dei termini concessi dalla stazione appaltante; - l'offerta formulata dal costituendo R.T.I. aggiudicatario era anomala; - il costituendo R.T.I. aggiudicatario aveva allegato all'offerta un solo progetto in luogo di due distinti documenti come prescritto dal disciplinare di gara.

    1.2.- L'impresa aggiudicataria Graded s.p.a. spiegava a sua volta ricorso incidentale, chiedendo l'annullamento dei medesimi...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
  • Diritto

    DIRITTO

    1.- Il "principio della ragione più liquida", corollario del principio di economia processuale (cfr. Consiglio di Stato, adunanza plenaria, 27 aprile 2015, n. 5; Corte di Cassazione, sezioni unite, 12 dicembre 2014, n. 26242), consente di derogare all'ordine logico di esame delle questioni - e quindi di tralasciare ogni valutazione pregiudiziale sull'inammissibilità dell'appello a causa dell'erronea notifica del ricorso presso l'Avvocatura Distrettuale di Catanzaro, anziché presso l'Avvocatura Generale, nonché sulla carenza di interesse dell'odierno appellante alla riforma della sentenza, non avendo egli impugnato la sentenza, nella parte in cui ha accolto il ricorso principale (ormai passata in giudicato) - e di risolvere la lite nel merito.

    2.- I primi due motivi di appello sono riferiti al medesimo capo di sentenza che ha respinto il primo motivo del ricorso incidentale - con il quale l'odierno appellante sosteneva che la ditta Lu. Al. Costruzioni s.r.l. avrebbe dovuto essere esclusa dalla gara in quanto la ditta ausiliaria Vierredil, di cui è avvalsa per la categoria OG11, avrebbe perso la relativa SOA nel periodo tra il 14.10.2015 (data di scadenza della validità triennale della precedente attestazione non rinnovata) ed il 9.2.2016 (data di emissione della nuova attestazione) - e possono essere trattati congiuntamente.

    La statuizione del Tribunale amministrativo regionale è corretta.

    2.1.- Dalla documentazione in atti risulta che l'anzidetta impresa ausiliaria era in possesso di una prima attestazione SOA, rilasciata dalla Bentley SOA in data 15 ottobre 2012 con scadenza triennale 14 ottobre 2015; successivamente, ha ottenuto una seconda attestazione SOA, per la medesima categoria, rilasciata dallo stesso organismo in data 9 febbraio 2016.

    Ne consegue che, alla data del 14 ottobre 2015 - quando è stata espletata la verifica dei requisiti - il...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
Correlazioni:

Note a sentenza (1)

Portali (2)

please wait

Caricamento in corso...