Estremi:
Cassazione civile, 2017,
  • Fatto

    SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

    1) In primo grado il Tribunale di Bologna accoglieva parzialmente la domanda di F.G., dipendente della Unipol Sai accertando il demansionamento, la mancata corresponsione di differenze retributive ed indennità varie e condannando la datrice di lavoro al pagamento di danno biologico ed all'immagine, oltre al pagamento di differenze retributive.

    2)La sentenza veniva appellata sia dalla Unipol Sai che dal F. in via incidentale.

    3)La Corte d'appello di Bologna ha respinto l'appello principale di Unipol, ritenendo provato il demansionamento subito per anni dal dipendente, operatore Sertel addetto soltanto alla ricezione delle telefonate e all'inserimento dei dati, senza mai essere stato adibito anche alla gestione e liquidazione dei sinistri, mansioni rientranti nella qualifica rivestita di impiegato di sesto livello, anche se tale qualifica era stata attribuita in via convenzionale in forza di specifico accordo, ma non rientranti neanche nella qualifica di assunzione di quarto livello.

    La corte ha inoltre confermato la sentenza di primo grado, respingendo sul punto l'appello principale di Unipol spa, in relazione all'accertato mobbing, provato in base alle risultanze istruttorie testimoniali, che avevano confermato condotte mobbizzanti, connotate dalla volontà di danneggiare psicologicamente il F. e individuate nell'adibizione a mansioni inferiori, nella collocazione in una postazione fissa e a vista, nella denigrazione e nel trattamento differenziato rispetto ai colleghi di lavoro.

    4)E' stato poi respinto l'appello incidentale del F. sia con riferimento al lamentato danno alla professionalità, che la Corte ha ritenuto non provato, non essendovi state in merito precise allegazioni nel ricorso di primo grado, sia con riferimento al richiesto danno patrimoniale, sulla base di quanto osservato dal CTU che non aveva ravvisato riduzione della capacità...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
  • Diritto

    MOTIVI DELLA DECISIONE

    10) Deve preliminarmente rilevarsi la nullità della procura a margine della "comparsa di intervento," rilasciata all'avvocato Pasquale Regina e depositata all'udienza di discussione, in sostituzione dell'avv.to A.F. Leccisotti. La stessa infatti non è conforme a quanto disposto dall'art.83 c.p.c. vigente ratione temporis (cfr. Cass. n. 7241/2010-Cass. 18323/2014).

    11) I motivi del ricorso principale che hanno riguardato vari punti della motivazione possono essere congiuntamente valutati con riferimento alle questioni che risultano comunque connesse. In particolare possono essere trattati congiuntamente il primo, il secondo ed il terzo motivo che si riferiscono a: 1) violazione e falsa applicazione di norme di diritto, in particolare dell'art. 2103 c.c. ai sensi dell'art. 360 c.p.c., comma 3, n. 1. Secondo la società ricorrente la Corte territoriale avrebbe errato nel ritenere che il F. non avesse svolto mansioni corrispondenti al suo livello di inquadramento in quanto le prestazioni dell'addetto al Sertel sarebbero state in linea con la declaratoria del livello 4 previsto dal cm, che prevedeva tra le tante anche un'attività di liquidazione dei sinistri, attività che tuttavia non caratterizzava la prestazione degli addetti al progetto Sertel, come anche previsto dal CCNL 18.18.1999; 2) violazione e falsa applicazione di norme di diritto, in particolare dell'art. 2103 c.c. ai sensi dell'art. 360 c.p.c., comma 3, n. 1, per avere la Corte erroneamente ritenuto che il mansionario del lavoratore di 4 livello operante nel settore sinistri venisse connotato necessariamente dall'attività di liquidazione dei sinistri identificandosi anche con essa, tanto da ritenere che vi sarebbe stato un demansionamento in assenza dell'espletamento di tale mansione; 3) omesso esame circa un fatto decisivo oggetto di discussione tra le parti ai sensi dell'art. 360 c.p.c., comma 5, n. 1, per avere la corte distrettuale ritenuto...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
please wait

Caricamento in corso...