Estremi:
Cassazione civile, 2017,
  • Fatto

    RITENUTO IN FATTO

    L'Agenzia delle entrate ricorre con unico motivo per la cassazione della sentenza della C.T.R. del Friuli Venezia Giulia, n. 167/06/09 dep. il 9/12/2009, che su impugnazione di avviso di accertamento ai fini dell'Irap per l'anno 2001, ha rigettato l'appello dell'Ufficio.

    La C.T.R. ha confermato la decisione di primo grado, che aveva escluso dalla base imponibile IRAP la medesima variazione in diminuzione operata ai fini IRPEG, ai sensi del D.Lgs. n. 367 del 1996, art. 25, con riferimento ai ricavi e proventi conseguiti a fronte dell'attività commerciale svolta dalla Fondazione per i suoi fini istituzionali. Ciò in quanto, secondo la C.T.R., la variazione in diminuzione ai fini Irpeg, apportata ai sensi del D.Lgs. n. 367 del 1996 cit., art. 25, comporta un'analoga variazione in diminuzione ai fini Irap, non impedita dal D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 11 bis, (che prevede la disapplicazione di alcune norme del TUIR e del D.Lgs. n. 504 del 1992 ai fini della determinazione del reddito d'impresa rilevante ai fini Irap), ed escludendo valore retroattivo al D.L. n. 209 del 2002, art. 3, (come modificato dalla L. n. 289 del 2002, art. 5), non essendo norma di interpretazione autentica.

    La Fondazione Teatro lirico Giuseppe Verdi si costituisce con controricorso.

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
  • Diritto

    CONSIDERATO IN DIRITTO

    1. Con l'unico motivo del ricorso l'Agenzia deduce violazione di legge, del D.Lgs. n. 446 del 1997, artt. 5,11 e 11 bis; della L. n. 289 del 2002, art. 5 comma 3; del D.Lgs. n. 367 del 1996, art. 25 comma 5.

    2. Il motivo è fondato a va accolto.

    Sulla medesima questione questa Corte, su ricorso della Fondazione Teatro lirico Giuseppe Verdi, ha statuito, con principio qui condiviso, che in tema di IRAP, ed alla stregua di quanto sancito dal D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, art. 11 bis, come modificato dal D.Lgs. 30 dicembre 1999, n. 506, i ricavi e i proventi conseguiti da una fondazione musicale per l'attività commerciale svolta in via principale, ancorchè in conformità ai suoi scopi istituzionali, concorrono alla formazione della relativa base imponibile, non trovando applicazione ai fini della determinazione del valore della produzione netta - per espressa deroga contenuta nella norma - il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 58, (nel testo e numerazione vigenti "ratione temporis"), in tema di imposte dirette, sicchè i relativi proventi ivi descritti (corrispondenti a quelli di cui al D.Lgs. 29 giugno 1996, n. 367, art. 25, comma 5, concernente le fondazioni musicali), pur godendo di un regime agevolativo ai fini delle imposte dirette, concorrono, invece, nella determinazione del valore della produzione netta ai fini IRAP (Cass. n. 1148 del 2014).

    Pertanto, in deroga al generale principio del parallelismo fra Irap e imposte suì redditi, con il D.Lgs. n. 506 del 1999 è stata espressamente prevista la non applicazione di specifiche disposizioni in materia di imposte dirette, tra le quali l'art. 58 TUIR (Proventi non computabili nella determinazione del reddito), cosicchè quei proventi, che godono di un regime agevolativo, diretto ad escluderli dal computo del reddito imponibile rilevante per le imposte dirette, concorrono invece alla determinazione del valore della produzione...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
please wait

Caricamento in corso...