• Fatto

    FATTI DI CAUSA

    E.A., nonchè M.R. e V., ricorrono - sulla base di due motivi - per la revocazione della sentenza n. 18241 del 28 agosto 2014 di questa Corte, con la quale è stato dichiarato improcedibile il ricorso proposto da M.V. ed inammissibile quello proposto da E.A., nonchè M.F., R., G. ed E., avverso la sentenza della Corte di Appello di Roma n. 53 dell'8 gennaio 2008.

    Resistono con distinti controricorsi la HDI Assicurazioni S.p.A. e A.P..

    I ricorrenti hanno depositato memoria ai sensi dell'art. 378 c.p.c..

    Il collegio ha disposto che sia redatta motivazione in forma semplificata.

  • Diritto

    RAGIONI DELLA DECISIONE

    1. Eccezioni preliminari.

    Il ricorso per revocazione è tempestivo, in quanto notificato a mezzo del servizio postale con plico raccomandato spedito in data 23 aprile 2015, e quindi entro l'anno dalla pubblicazione della sentenza impugnata (avvenuta in data 28 agosto 2014).

    Secondo l'indirizzo di questa Corte (Cass., Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 6308 del 31/03/2016, Rv. 639105), infatti, "l'art. 391-bis c.p.c., laddove fissa in un anno il termine lungo per impugnare con revocazione ordinaria le pronunce della Corte di cassazione, ha carattere eccezionale, ex art. 14 preleggi, sicchè non è inciso dalla modifica apportata dalla L. n. 69 del 2009, art. 46, comma 17, alla norma generale di cui all'art. 327 c.p.c., comma 1, che ha dimidiato il termine per proporre le impugnazioni ordinarie, nè è suscettibile di interpretazione analogica".

    L'esposizione dei fatti di causa, ai sensi dell'art. 366 c.p.c., comma 1, n. 3, risulta adeguata, non essendo necessaria (diversamente da quanto eccepito dalla controricorrente HDi Assicurazioni S.p.A.) la riproposizione dei motivi dell'originario ricorso per cassazione (Cass., Sez. U, Sentenza n. 24170 del 30/12/2004, Rv. 578552 01; conf.: Sez. 3, Ordinanza n. 22386 del 19/10/2006, Rv. 592446 - 01; Sez. 3, Ordinanza n. 22385 del 19/10/2006, Rv. 592917 - 0; Sez. 1, Sentenza n. 24856 del 22/11/2006, Rv. 593231 - 01; Sez. 2, Ordinanza interlocutoria n. 22292 del 02/11/2010, Rv. 614670 01; Sez. U, Sentenza n. 13863 del 06/07/2015, Rv. 635785 - 01).

    2. Giudizio rescindente.

    2.1 Con il primo motivo del ricorso per revocazione si censura la pronunzia di improcedibilità del ricorso per cassazione proposto da M.V., ai sensi dell'art. 369 c.p.c., comma 2, n. 2.

    Ad avviso del collegio, la decisione impugnata è effettivamente fondata su un falso presupposto di fatto, che non ha costituito punto...

Correlazioni:

Legislazione Correlata (7)

Visualizza successivi