• Fatto

    Concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione

    Il Fallimento Nuov@ Periodici Italia srl (di seguito, “Fallimento”) ha convenuto gli ex amministratori (Ma. To., amministratore dal marzo 2006 al luglio 2010; Co. Ci. e Ma. An. Me., amministratori dal settembre 2008 al luglio 2010), i sindaci (An. Ga. e Is. La., sindaci dal 1995 al maggio 2007, An. Ca. sindaco dall'ottobre 2006 al maggio 2007) nonché il liquidatore della società (An. Ma. Ro., liquidatore della società dal luglio 2010 alla data del fallimento), deducendo che gli stessi sarebbero responsabili per aver causato un danno di circa 3.500.000 euro alla società stessa nell'esercizio delle rispettive funzioni e quindi per sentirli condannare in solido al risarcimento.

    Le condotte contestate dalla procedura riguardano:

    1. la prosecuzione illecita dell'attività sociale in presenza di una causa di scioglimento (ritardo nella messa in liquidazione della società) che si sarebbe verificata almeno a partire dalla fine dell'esercizio 2008;

    a. secondo la curatela tale bilancio si sarebbe dovuto chiudere con una perdita di almeno 600.000,00;

    b. il prospetto dei risultati annuali di esercizio della società evidenzierebbe l'anomalia del risultato 2007 e 2008, che sarebbe in effetti frutto di una strumentale appostazione di poste attive inesistenti (credito SIAE, e rimanenze finali per euro 512.362) funzionale a coprire perdite di esercizio (dopo la fuoriuscita del socio americano, IDG, alla fine del 2007 i soci non avrebbero effettuato alcun apporto di capitale e tuttavia i bilanci del 2007 e del 2008 evidenzierebbero un improvviso incremento di fatturato tale da determinare un utile, seppur modesto, frutto, in realtà, di artifici contabili funzionali ad evitare una nuova immissione di capitali da parte dei soci);

    c. il danno provocato da tale prosecuzione illecita...

Correlazioni:

Legislazione Correlata (2)