• Fatto

    FATTO e DIRITTO

    Premesso che:

    - il ricorrente, il 17 febbraio 2014, ha chiesto all'Amministrazione comunale intimata il rilascio di diversi atti relativi al procedimento di trasformazione urbanistica interessante l'area denominata "ex Nievoletta";

    - l'Amministrazione, con nota 7 aprile 2014, ha chiesto di specificare il suo interesse giuridicamente rilevante all'ostensione documentale;

    - il ricorrente, con nota acquisita al protocollo comunale il 9 aprile 2014, ha evidenziato la sua posizione di confinante con l'area oggetto della trasformazione urbanistica;

    - il procedimento, nel frattempo, è stato avviato con l'adozione di un piano attuativo e relativa variante al vigente P.R.G. mediante deliberazione consiliare 24 marzo 2014 n. 23, e l'Amministrazione, con nota 17 aprile 2014 prot. 17052, ha chiarito che gli atti richiesti erano già stati resi pubblici in via telematica;

    - tale nota è stata impugnata con il presente ricorso al fine di ottenere il rilascio dei documenti in forma cartacea, in quanto destinati ad "assolvere una finalità strumentale ad una possibile difesa giudiziale" (pag. 15 del ricorso);

    Considerato che la pubblicità in forma telematica è pienamente idonea a realizzare il principio di trasparenza amministrativa ai sensi dell'art. 39 del d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, e nulla osta alla utilizzabilità in sede giudiziaria della documentazione in tal modo acquisita;

    Ritenuto pertanto di respingere il ricorso prescindendo dalle eccezioni preliminari formulate, e di condannare il ricorrente al pagamento delle spese di causa nella misura di € 2.000,00 (duemila/00), oltre accessori di legge, a favore di ciascuna controparte;

Correlazioni:

Legislazione Correlata (1)