• Fatto

    FATTO

    Con deliberazione del Consiglio n. 16 del 10.7.2013, la Provincia di Monza e Brianza (MB), approvava definitivamente il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (di seguito, anche "PTCP"), ai sensi della legge della Regione Lombardia n. 12/2005 sul governo del territorio.

    Il Comune esponente, sito all'interno della Provincia di cui sopra, impugnava la suddetta delibera di approvazione, unitamente ad una serie di atti pregressi della Provincia medesima e della Regione Lombardia, per i motivi che possono essere così sintetizzati:

    1) violazione dell'art. 39 del D.Lgs. 33/2013;

    2) violazione delle norme in tema di Valutazione Ambientale Strategica - VAS (direttiva CE 2001/42, articoli 11 e ss. D.Lgs. 152/2006, art. 4 LR 12/2005 e delibere approvative);

    3) violazione art. 10 L. 1150/1942 e artt. 13-17 LR Lombardia 12/2005;

    4) violazione degli articoli 5, 117, 118 e 128 della Costituzione, degli artt. 5 e 7 della L. 1150/1942, dell'art. 20 del D.Lgs. 267/2000 e degli articoli 8, 9, 10, 15, 18 e 77 della LR 12/2005, del PTR nonché eccesso di potere per sviamento, carenza di istruttoria, difetto motivazionale e contraddittorietà;

    5) violazione dell'art. 3 della L. 241/1990 e dell'affidamento;

    6) violazione dell'art. 5 della L. 1150/1942, dell'art. 20 del D.Lgs. 267/2000, del DM Lavori Pubblici 1444/1968, degli articoli 15, 18, 19, 20 e 77 della LR 12/2005, delle DGR 6421/2007, 8059/2008, del PTR, del PPR, eccesso di potere per sviamento, carenza di istruttoria, ingiustizia manifesta, illogicità, disparità di trattamento, contraddittorietà e difetto di motivazione del PTCP;

    7) illegittimità dell'inserimento di alcuni comparti di trasformazione previsti dal PGT all'interno dei c.d. ambiti di interesse provinciale di cui all'art. 34 delle NTA del PTCP;

    8) illegittimità dell'art. 46 delle NTA del PTCP laddove impone la dotazione di standard aggiuntivi...

  • Diritto

    DIRITTO

    1. Con il primo motivo di ricorso, viene denunciata la violazione dell'art. 39 del D.Lgs. 33/2013 (Decreto recante: "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusioni di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni").

    In forza di tale articolo (rubricato "Trasparenza dell'attività di pianificazione e governo del territorio"), la P.A. deve pubblicare tutti gli atti di governo del territorio e le loro varianti (così la lettera "a" del primo comma), oltre che gli schemi di provvedimento degli atti stessi prima della loro approvazione (così la lettera "b" del primo comma).

    La pubblicità degli atti di cui alla lettera a) del primo comma è condizione per l'acquisto dell'efficacia degli atti medesimi (così il comma terzo dell'art. 39).

    A detta del ricorrente, la Provincia non avrebbe garantito la pubblicità dello schema della delibera del PTCP prima della sua approvazione, in violazione della lettera b) del citato primo comma, il che, sempre secondo la prospettazione dell'esponente, renderebbe inefficace il PTCP approvato con l'impugnata delibera consiliare n. 16/2013.

    La censura è infondata, per le ragioni che seguono.

    In primo luogo, l'interpretazione corretta dell'art. 39, fondata sul significato letterale dello stesso (ai sensi dell'art. 12 delle preleggi), è nel senso che costituisce condizione di efficacia degli atti di governo del territorio, la sola pubblicità di cui alla lettera a) del comma 1° del medesimo art. 39 (in questo senso, il comma terzo è molto chiaro), per cui l'omessa pubblicità degli schemi di provvedimento di cui alla lettera b) del primo comma non priva di efficacia gli atti di governo del territorio di cui alla più volte menzionata lettera a).

    Inoltre - e con particolare riguardo al caso di specie - la Provincia ha attestato,...

Correlazioni:

Legislazione Correlata (1)