• Fatto

    SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

    Nell'atto di citazione 30 gennaio 2001, Assitalia, qualificandosi come soggetto subentrato per legge e per contratto nelle ragioni creditizie della propria assicurata Alitalia verso il subvettore Overtrans, chiedeva la condanna di questa ultima al pagamento della somma di L. 300 milioni, pari all'importo dalla stessa versata in base al contratto di assicurazione (per la merce trasportata a bordo di camion Overtrans, che era stata sottratta da ignoti.

    La società convenuta Overtrans, costituendosi in giudizio, aveva dedotto la assenza di qualsiasi responsabilità nella perdita del carico, dovuta a rapina e - pertanto -a causa di forza maggiore.

    In via subordinata aveva chiesto, ed ottenuto, di chiamare in garanzia la spa Allianz Subalpina presso la quale la stessa Overtrans era assicurata contro i sinistri.

    Allianz Subalpina, costituendosi in giudizio, eccepiva la maturata prescrizione del diritto, la mancanza di legittimazione di Overtrans a chiamarla in manleva, trattandosi di assicurazione per conto di chi spetta, in cui eventuale creditore deve intendersi il diretto danneggiato.

    Allianz Subalpina, inoltre, rilevando che non vi era prova dei fatti denunciati, eccepiva - comunque - che il sinistro doveva considerarsi escluso dal rischio contemplato nel contratto di assicurazione ed in estremo subordine, sosteneva di essere debitrice per il solo 50%, considerato che lo stesso rischio era assicurato, in regime di coassicurazione, ai sensi dell'art. 1910 c.c. presso altro assicuratore.

    Il Tribunale riteneva assorbente l'eccezione di maturata prescrizione annuale del credito risarcitorio nascente dal contratto di trasporto (credito nel quale Assitalia era subentrata, a seguito di cessione dal vettore Rinaldi ad Alitalia), considerato che le lettere di...

  • Diritto

    MOTIVI DELLA DECISIONE

    Deve innanzi tutto disporsi la riunione dei ricorsi proposti contro la medesima decisione.

    Il ricorso incidentale di Allianz Subalpina deve essere esaminato dopo di quello principale, per le questioni che lo stesso propone.

    Prima di esaminare le censure formulate dalle parti, appare opportuno sottolineare che Assitalia ha agito in giudizio in base a due distinti e concorrenti titoli: quale cessionaria, in forza di specifica convenzione, del credito della Alitalia nei confronti del subvettore Overtrans e come ha ricordato la Corte territoriale - in via subordinata - in forza di surroga legale, ai sensi dell'art. 1916 c.c..

    La domanda principale di Assitalia è stata accolta nei limiti della somma corrisposta dalla stessa ad Alitalia mittente principale.

    Overtrans è stata, dunque, condannata a restituire ad Assitalia la somma di L. 300.000.000 (pari ad Euro 154.937,07) oltre interessi e rivalutazione.

    Infine Allianz Subalpina, presso la quale Overtrans era assicurata contro i sinistri, è stata condannata a tenere indenne e manlevare Overtrans nei limiti del massimale di polizza, corrispondente alla metà della somma riconosciuta ad Assitalia.

    a) RICORSO PRINCIPALE OVERTRANS:

    1. Con il primo motivo la ricorrente principale Overtrans deduce la violazione e falsa applicazione dell'art. 2729 c.c., commi 1 e 2, art. 2724 c.c., n. 3.

    La Corte territoriale aveva omesso ogni indicazione in ordine alle presunzioni che l'avevano condotta a ritenere la conformità all'originale della copia fotostatica della polizza assicurativa prodotta (e l'art. 2729 c.c., comma 1 stabilisce espressamente che le presunzioni - per essere ammissibili - devono essere gravi, precise e concordanti).

    In realtà, la fotocopia ...

Correlazioni:

Legislazione Correlata (9)

Visualizza successivi