Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • EPIGRAFE

      Decreto legislativo 2006 - Norme in materia ambientale. (CODICE DELL'AMBIENTE) (1) (2) (3) (4)

      (1) A norma dell' articolo 4, comma 2, del D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 , gli articoli da 4 a 52 dell'originaria Parte II sono stati abrogati e sostituiti dall'attuale Parte II, comprendente gli articoli da 4 a 36, ai sensi dell' articolo 1, comma 3, del medesimo D.Lgs. n. 4 del 2008 .

      (2) Nel presente decreto, a norma di quanto disposto dall'articolo 2, comma 31, del D.Lgs. 29 giugno 2010, n. 128, le parole "del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59", ovunque ricorrenti sono sostituite dalle seguenti: "del Titolo III-bis della parte seconda del presente decreto".

      (3) Nel presente decreto, a norma di quanto disposto dall' articolo 4, comma 2, del D.Lgs. 29 giugno 2010, n. 128 ovunque ricorrano, le parole "Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio", sono sostituite dalle seguenti: "Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare", le parole: "Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare", le parole "Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici" sono sostituite dalle seguenti: "Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale", e la parola "APAT" è sostituita dalla seguente: "ISPRA"

      (4) In riferimento al presente decreto vedi: Parere Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici 21 marzo 2012 n. 42; Parere Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici 04 aprile 2012 n. 52; Circolare AGEA 15 maggio 2012 n. ACIU.2012.214; Parere Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici 14 febbraio 2013 n. 13.  

      Contenuto riservato agli abbonati
      Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo


    • ARTICOLO N.238

      (Tariffa per la gestione dei rifiuti urbani) (1)


    • Art. 238

      1. Chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo locali, o aree scoperte ad uso privato o pubblico non costituenti accessorio o pertinenza dei locali medesimi, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale, che producano rifiuti urbani, è tenuto al pagamento di una tariffa. La tariffa costituisce il corrispettivo per lo svolgimento del servizio di raccolta, recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e ricomprende anche i costi indicati dall'articolo 15 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36. La tariffa di cui all'articolo 49 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, è soppressa a decorrere dall'entrata in vigore del presente articolo, salvo quanto previsto dal comma 11.

      2. La tariffa per la gestione dei rifiuti è commisurata alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte, sulla base di parametri, determinati con il regolamento di cui al comma 6, che tengano anche conto di indici reddituali articolati per fasce di utenza e territoriali.

      3. La tariffa è determinata, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del decreto di cui al comma 6, dalle Autorità d'ambito ed è applicata e riscossa dai soggetti affidatari del servizio di gestione integrata sulla base dei criteri fissati dal regolamento di cui al comma 6. Nella determinazione della tariffa è prevista la copertura anche di costi accessori relativi alla gestione dei rifiuti urbani quali, ad esempio, le spese di spazzamento delle strade. Qualora detti costi vengano coperti con la tariffa ciò deve essere evidenziato nei piani finanziari e nei bilanci dei soggetti affidatari del servizio.

      4. La tariffa è composta da una quota determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in...

      Contenuto riservato agli abbonati
      Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo

    please wait

    Caricamento in corso...