Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • Testo vigente
    • EPIGRAFE

      Codice di procedura civile, approvato con regio decreto 28 ottobre 1940, n. 1443 .



    • ARTICOLO N.133

      Pubblicazione e comunicazione della sentenza.

    • [I]. La sentenza è resa pubblica mediante deposito nella cancelleria del giudice che l'ha pronunciata (1).

      [II]. Il cancelliere dà atto del deposito in calce alla sentenza e vi appone la data e la firma, ed entro cinque giorni, mediante biglietto contenente il testo integrale della sentenza, ne dà notizia alle parti che si sono costituite [136]. La comunicazione non è idonea a far decorrere i termini per le impugnazioni di cui all'art. 325 (1) (2).

      [III]. (3).

      (1) La Corte cost., con sentenza 22 gennaio 2015, n. 3, ha dichiarato non fondata, nei termini di cui in motivazione, la questione di legittimità costituzionale del primo e del secondo comma (e dell'art. 327, primo comma, nel testo anteriore alla modifica apportata dall'art. 46, comma 17, della legge 18 giugno 2009, n. 69) « come interpretati dalla Corte di cassazione, sezioni unite civili, con la sentenza n. 13794 del 1° agosto 2012, sollevata, in riferimento agli artt. 3, secondo comma, e 24, primo e secondo comma, della Costituzione».

      (2) L'art. 45, d.l. 24 giugno 2014, n. 90, conv., con modif., in l. 11 agosto 2014, n. 114, ha sostituito le parole «il dispositivo», con le parole «il testo integrale della sentenza», ed ha aggiunto, in fine, il seguente periodo: «La comunicazione non è idonea a far decorrere i termini per le impugnazioni di cui all'art. 325».

      (3) Comma abrogato dall'art. 25, comma 1, lettera b) della l. 12 novembre 2011 n. 183, a decorrere dal trentesimo giorno successivo al 1° gennaio 2012. Il comma, il cui testo era stato aggiunto dall'art. 2, comma 3, lettera a) del d.l. 14 marzo 2005, n. 35,...

    please wait

    Caricamento in corso...