Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • Testo vigente
    • EPIGRAFE

      Codice di procedura penale, approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447 (1).

      (1) Il D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447, pubblicato nel...



    • ARTICOLO N.461

      Opposizione.

    • 1. Nel termine di quindici giorni dalla notificazione del decreto, l'imputato e la persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria [89], personalmente o a mezzo del difensore eventualmente nominato [96, 100], possono proporre opposizione mediante dichiarazione ricevuta nella cancelleria del giudice per le indagini preliminari che ha emesso il decreto [460] ovvero nella cancelleria del tribunale o del giudice di pace del luogo in cui si trova l'opponente [140, 163-ter att.] (1).

      2. La dichiarazione di opposizione deve indicare, a pena di inammissibilità, gli estremi del decreto di condanna, la data del medesimo e il giudice che lo ha emesso. Ove non abbia già provveduto in precedenza, nella dichiarazione l'opponente può nominare un difensore di fiducia.

      3. Con l'atto di opposizione l'imputato può chiedere al giudice che ha emesso il decreto di condanna il giudizio immediato [456 1, 3, 5, 464 1] ovvero il giudizio abbreviato [441-443] o l'applicazione della pena a norma dell'articolo 444.

      4. L'opposizione è inammissibile, oltre che nei casi indicati nel comma 2, quando è proposta fuori termine [173] o da persona non legittimata.

      5. Se non è proposta opposizione o se questa è dichiarata inammissibile, il giudice che ha emesso il decreto di condanna ne ordina l'esecuzione [463, 648 3, 650].

      6. Contro l'ordinanza di inammissibilità l'opponente può proporre ricorso per cassazione [606].

      (1) Comma dapprima modificato dall'art. 184, d.lg. 19 febbraio 1998, n. 51, e successivamente così modificato dall'art. 45 ...

    please wait

    Caricamento in corso...