Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • EPIGRAFE

      Legge 1996 - Misure di razionalizzazione della finanza pubblica (1) (2) (3) (4) (5) (A).

      (1) Allo scopo di agevolarne la lettura, nel presente provvedimento la nomenclatura dei Ministri e dei Ministeri è stata aggiornata sulla base degli accorpamenti e delle soppressioni intervenute negli ultimi anni.

      (2) Con d.l. 1° dicembre 1993, n. 487, conv. in l. 29 gennaio 1994, n. 71 l'Amministrazione delle poste e delle telecomunicazioni è stata trasformata in ente pubblico economico (Ente poste italiane) a sua volta trasformato in società per azioni (Poste italiane S.p.A.) con Delib. CIPE 18 dicembre 1997.

      (3) Tutti i rinvii al d.p.r. 28 gennaio 1988, n. 43, soppresso dall'art. 68, d.lg. 13 aprile 1999, n. 112, contenuti nel presente provvedimento, si intendono riferiti alle corrispondenti disposizioni del citato d.lg. 112/1999.

      (4) L'AIMA è stata soppressa dall'art. 1, d.lg. 27 maggio 1999, n. 165, istitutivo, tra l'altro, dell'Agenzia per le erogazioni in agricoltura, ente di diritto pubblico.

      (5) A decorrere dalla data di nomina del primo governo costituito a seguito delle prime elezioni politiche successive all'entrata in vigore del d.lg. 30 luglio 1999, n. 300, le prefetture sono trasformate in uffici territoriali del governo; il prefetto preposto a tale ufficio nel capoluogo della regione assume anche le funzioni di commissario del governo (art. 11, d.lg. 300/1999, cit.).

      (A) In riferimento alla presente legge vedi: Circolare INPS 2 gennaio 2009, n.1; Parere Autorità garante per la protezione dei dati personali 24 novembre 2011 n. 1880524; Messaggio INPS 17 febbraio 2012 n. 2890;Circolare Inps 18 ottobre 2012 n. 125; Circolare Inps 18 ottobre 2012 n. 123 .



    • ARTICOLO N.2

      Misure in materia di servizi di pubblica utilità e per il sostegno dell'occupazione e dello sviluppo.

    • COMMA 1.

      1. Al fine di accelerare il coordinamento funzionale e operativo delle gestioni governative nei sistemi regionali di trasporto, nonché l'attuazione delle deleghe alle regioni delle funzioni in materia di servizi ferroviari di interesse locale e regionale, il Ministro dei trasporti e della navigazione affida, a decorrere dal 1° gennaio 1997, con proprio decreto, alla Ferrovie dello Stato S.p.a. la ristrutturazione delle aziende in gestione commissariale governativa e la gestione, per un periodo massimo di tre anni, dei servizi di trasporto da esse esercitati. I bilanci di tali aziende rimarranno separati da quello della Ferrovie dello Stato S.p.a.

      COMMA 2.

      2. La ristrutturazione di cui al comma 1, finalizzata anche alla trasformazione societaria delle gestioni governative, è operata attraverso la predisposizione e attuazione di un piano unitario, articolato in relazione alle caratteristiche funzionali e gestionali delle aziende interessate d'intesa con le regioni e sentite le organizzazioni sindacali, approvato dal Ministro dei trasporti e della navigazione, sentite le Commissioni parlamentari competenti per materia. Nella predisposizione del piano:

      a) la Ferrovie dello Stato S.p.a. si atterrà ai criteri di cui agli articoli 3, 4 e 5 del regolamento (CEE) n. 1191/69 del Consiglio, del 26 giugno 1969, come modificato dal regolamento (CEE) n. 1893/91 del Consiglio, del 20 giugno 1991, nonché all'obiettivo di ottenere nel corso del triennio un rapporto di almeno 0,35 tra ricavi da traffico complessivamente conseguiti e costi operativi complessivamente sostenuti al netto dei costi di infrastruttura, conservando l'appartenenza del personale alla contrattazione collettiva di lavoro degli autoferrotramvieri;

      b) potrà essere prevista l'adozione di uno o più idonei...

    please wait

    Caricamento in corso...