Titolo:
LA RESPONSABILITÀ DEI GENITORI PER FATTO ILLECITO DEI FIGLI MINORI: UNA CONFERMA CHE INVITA ALLA RIFLESSIONE
  • Sommario

    (*)Sommario   1. Introduzione: il caso. — 2. La responsabilità dei genitori: i giudici confermano la centralità degli obblighi educativi. — 3. La riforma della filiazione: verso una responsabilità di tipo oggettivo?

  • 1. INTRODUZIONE: IL CASO

    Una recente decisione della Corte di cassazione in materia di responsabilità genitoriale per l'illecito imputabile ai figli minori, rigettando il ricorso proposto e accogliendo quanto stabilito dai giudici del merito, ha confermato l'orientamento affermatosi in materia e, al tempo stesso, ha offerto lo spunto per una riflessione sul tema, non soltanto in considerazione della specificità dell'oggetto, ma anche alla luce delle novità introdotte dalla legislazione in tema di rapporto di filiazione. 

    Tra gli aspetti evidenziati dalla riforma centrali sono certamente l'unificazione degli status filiationis e l'ampliamento delle relazioni familiari, determinati dall'approvazione della l. 10 dicembre 2012, n. 219 (Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali) e dal successivo provvedimento di attuazione, d.lgs. 28 dicembre 2013, n. 154 (Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell'art. 2 della legge 10 dicembre 2012, n. 219), entrato in vigore il 7 febbraio 2014 (1).

    La novella ha rimodellato anche i rapporti familiari di tipo verticale, che interessano la relazione tra genitori e figli, conferendo concretezza ai rispettivi doveri e alle situazioni di diritto vantate dalla prole, radicando maggiormente rispetto al passato il rapporto di filiazione nel fatto stesso della nascita e valorizzando la capacità di comprensione e di scelta di quei soggetti, i figli minori d'età, che l'ordinamento qualifica come incapaci legali di agire, in conformità con quanto disposto dalla regola dettata all'art. 2 c.c.

    L'occasione utile a coniugare la riforma legislativa con il dato sociale è stata offerta da un provvedimento dei giudici di...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo

 

please wait

Caricamento in corso...